L’evoluzione dei Social Media è in continua ascesa e le aziende, sempre più social, non possono restare indietro soprattutto, visto che le strategie di marketing e comunicazione vengono sempre più guidate dai trend social di ogni anno. Cosa ci aspetta in questo 2019?




VIDEO VIDEO E ANCORA VIDEO:

Il trend dei video come strumento di marketing-comunicazione-promozione non è una news ma è sui live video che bisogna concentrarsi di più in questo 2019. I video live hanno il vantaggio di risultare più genuini e più diretti e per questo sono maggiormente apprezzati dagli utenti. Inoltre, danno la possibilità di interagire con brand o personaggi e di sentirsi quindi maggiormente coinvolti. Oltre ai Live video ad avere successo sono i video verticali definiti i re dei social media!. L’utilizzo sempre maggiore dei dispositivi mobili ci ha abituato a vedere sempre più contenuti verticali. Basti pensare all’utilizzo delle Instagram Stories dove i video sono sempre e solo verticali.  Arrivate persino nei gruppi Facebook e su LinkedIn, secondo alcuni dati non stanno solo crescendo quindici volte più veloce, ma presto sorpasseranno, per numero di condivisioni, i tradizionali post permanenti.

SOCIAL COMMERCE:
Ovvero acquistare prodotti e servizi direttamente sui social media. Se questa funzionalità è stata inaugurata da Facebook, oramai da alcuni anni, con la possibilità per ogni pagina di avere una vetrina virtuale, la vera svolta nel campo l’hanno segnata Instagram e il suo tasto “Shop Now”, che permette agli utenti di acquistare con un click direttamente il prodotto o il servizio mostrato nel singolo post. Accanto al social commerce non può mancare il social selling che sarà sempre più diffuso nelle strategie di vendita, ma questo non vuol dire solamente vendere un prodotto direttamente sul singolo canale social, ma fare Brand Awareness e creare frequenti punti di interazione e contatto tra azienda e utente/acquirente. I social network hanno cambiato la natura del processo di acquisto, da diretto a consulenziale.

MICRO INFLUENCER:

Gli influencer ormai da anni sono diventati una vera e propria figura professionale ed utilizzata molto dalle aziende, ma ormai il consolidarsi di questa nuova figura li rende sempre “meno credibili”. I grandi influencer richiedono un prezzo fuori mercato, non proporzionato al ritorno economico, anche perché se le grandi celebrità pubblicano ogni giorno un contenuto legato a un diverso marchio, il precedente perde appeal e si disperde nella mole di contenuti caotici e indistintamente rivolti a un target troppo ampioQuindi per il 2019 le aziende dovranno puntare su un’altro genere di influencer: parliamo dei cosiddetti micro-influencer, ovvero quei piccoli influencer specializzati in una specifica nicchia, che spesso hanno anche meno di 10.000 follower. I micro-influencer possono anche non avere il seguito di una celebrità, ma potenzialmente hanno un’influenza ancora maggiore sui loro followers perchè visti realmente come persone normali e quindi più credibili agli occhi del proprio pubblico.

CHATBOT:

Oggi, oltre un miliardo di persone utilizza i servizi di Instant Messaging per comunicare; non solo con le persone, ma anche con le aziende. Vogliamo le risposte subito e prima le abbiamo, prima acquistiamo!. Quindi risulta indispensabile per le aziende avere un servizio clienti 24/7 visto che i social non dormono mai!. E chi svolge perfettamente questa mansione se non il chat bot? (Software progettato per simulare una conversazione “umana” tra azienda e consumatore. Fornisce risposte automatiche alle nostre domande specifiche, tramite appunto una chat. Entro il 2020 l’85% delle interazioni tra business e customer sarà automatizzato e gestito da bot.

MOBILE CONTENT:

Crea contenuti per i tuoi fan mobili
Nel 2019, è fondamentale creare un’esperienza sociale fluida, bella e facilmente interattiva per i fan mobili su tutti gli aspetti del marketing digitale, compresi i social media, dai post sui social media fino al coinvolgimento finale. Questo è secondo Ashley Ward, CEO e direttore marketing di Madhouse Matters.

“Tutto ciò che condividi sui tuoi profili social deve soddisfare un utente mobile”, ha affermato Ward. “Questo significa che se vuoi che facciano clic su un link per interagire con il tuo post, quel collegamento deve andare a una pagina progettata specificamente per l’utente mobile.”

Cosa ne pensi? Fammelo sapere nei commenti